Come Attutire i Rumori Provenienti da Altre Stanze

Chissà quante volte ti sarà capitato di ascoltare, senza volerlo, conversazioni, rumori molesti, suoni fastidiosi, urla, litigi provenienti dalle abitazioni dei tuoi vicini di casa. In condominio capita spesso di assistere a queste situazioni grossolane: le pareti che dividono due o più appartamenti contigui sono a volte così poco spesse da non essere in grado di attutire i suoni. E così ci si ritrova, nostro malgrado, a fare gli impiccioni ed a subire passivamente la situazione.

Per risolvere la situazione ci si rivolge spesso a degli specialisti che ovviamente si fanno ben pagare la loro prestazione artigianale. Ed a volte capita di non rimanere del tutto soddisfatti, con la conclusione finale che abbiamo speso tanti soldi per aver risolto ben poco. La cosa migliore è invece attrezzarsi con materiali idonei all’uso ed applicarli personalmente.

Per prima cosa acquista dei pannelli di sughero, un elemento naturale, ecologico e tutto sommato economico, ideale per attutire suoni, rumori, quindi inquinamento acustico in generale, ma anche ottimo per contrastare l’umidità. Una volta acquistato, il sughero fa spacchettato e lasciato respirare per un paio di giorni, per dare il massimo della sua funzione. Posiziona con accuratezza le lastre di sughero sulla parete che ti interessa insonorizzare: per far questo utilizza una colla adatta per il sughero, cospargila senza esagerare su tutta la superficie piana del pannello e poi applica il predetto pannello alla parete. Stai attento/a alle sbavature della colla, visibili soprattutto negli angoli.

Adesso hai quasi terminato il lavoro: dopo aver rimosso le piccole imperfezioni del sughero e della colla ad esso applicata, devi ricoprire il pannello per camuffarlo con la parete. Io ti consiglio di utilizzare un pannello di masonite bianca (puoi colorare il pannello a seconda del colore della parete in cui va applicato). La masonite è resistente ed economica ed è facile da posizionare sul pannello di sughero. In questo caso puoi utilizzare una colla forte (deve sostenere il peso di questo ulteriore pannello) oppure dei tasselli. Il risultato finale sarà dato da un’evidente attenuazione dei rumori.

Come Allenare Mani e Polsi in Casa

Lo sviluppo della forza del polso e, della mano, costituisce un elemento fondamentale per discipline sportive come il tennis, il motociclismo, la ginnastica artistica e l’atletica leggera. Rinforzare, con semplici esercizi, questo gruppo articolare e muscolare, è semplice e, a volte, divertente.

Se sei un pilota di motocross, o ti diletti nel gioco del tennis, ti sarai trovato spesso a dover interrompere gli allenamenti per il sovraffaticamento di mani e polsi. Il segreto per non incorrere in questi problemi, è allenare bene questa parte articolare e muscolare. Inizia, intrecciando le dita e, ruotando i polsi lentamente.

Con questo primo esercizio, otterrai un minimo di riscaldamento su polsi e mani. Serve un manubrio da palestra, relativamente a cui è possibile vedere questa guida sul sito Lapalestraincasa.net. Ora, prendi un manubrio da 1 Kg. Mettiti seduto e, appoggia sulla coscia l’avambraccio, lasciando la zona del polso libera. Stringi forte il manubrio mentre muovi il polso in chiusura verso l’avambraccio interno. Giunto alla massima chiusura, ridistendi il polso. Esegui non meno di 20 ripetizioni, per ognuno dei polsi, per almeno 3 set.

Se hai una sbarra per trazioni, afferrala e, lasciati andare in modo che, la presa sostenga il peso del tuo corpo. Ora, alterna una rotazione in avanti della mano, come a voler riavvolgere la barra, per poi tornare in sospensione e ripetere il gesto con l’altra mano. Esegui 3 sedute all’esaurimento, cioè fino a che la presa non diverrà impossibile. Quando guardi la televisione o studi, stringi una pallina da ginnastica o, utilizza molle per rinforzare mani, polsi e dita.

Come Preparare Panino con Tonno e Crema di Funghi

La ricetta che andiamo a vedere oggi riguarda la preparazione di un panino veloce e gustosissimo, perfetto per essere gustato in occasione dei prossimi pic nic estivi: Panino con tonno, crema ai funghi e robiola.

Da un punto di vista nutrizionale sostituisce il tradizionale pranzo in quanto apporta sia proteine di alto valore biologico ma anche carboidrati complessi e grassi nelle giuste quantità. Risulta essere povero di sali minerali e vitamine e per questo si consiglia di completare il pasto con una porzione di frutti di bosco.

Ingredienti
panino, 80gr
tonno sotto olio, una confezione da 80gr
funghi, 50gr
robiola, 30gr
aglio, mezzo spicchio
vino
prezzemolo, un ciuffetto
olio evo, un cucchiaino
sale

Tempo di preparazione: 10 minuti

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta partendo dai funghi: lavateli e privateli di eventuali tracce di terra, quindi tagliateli in fettine sottili; riponeteli all’interno di una padella antiaderente insieme ad un filo di olio e al mezzo spicchio di aglio. Sfumate poi con del vino bianco.

Quando l’acqua di cottura sarà evaporata del tutto e i funghi saranno cotti, aggiungete una spolverata generosa di prezzemolo fresco tritato finemente e mescolate bene. Aggiustate, infine, con un pizzico di sale.

Mettete i funghi all’interno di un mixer da cucina e frullateli per bene insieme alla robiola, fino a quando non avrete formato una crema liscia ed omogenea. Quando sarà pronta, aggiustate eventualmente con un pizzico di sale o pepe.

Prendete poi il pane, tagliatelo a metà e farcitelo con una base di tonno sotto olio, che avrete precedentemente sgocciolato. Ricoprite poi il tutto con la crema ai funghi e robiola che avrete precedentemente realizzato.

Come Preparare Pasta con Speck e Broccoli

La ricetta che andiamo a vedere oggi riguarda la preparazione di un primo piatto dal sapore inteso, davvero molto semplice e veloce da preparare: la Pasta con lo speck e i broccoli verdi.

Per ottenere una resa migliore in questa ricetta, vi consiglio di utilizzare dello speck dell’Alto Adige IGP, mentre per quel che riguarda gli ortaggi, è meglio preferire acquistarle dal fruttivendolo di fiducia o al supermercato biologico.

Ingredienti
pasta, 200gr
speck tagliato a fette sottili, 150gr
broccoli verdi, 180gr
cipolla bianca, mezza
sale, pepe, olio

Tempo di preparazione: 20 minuti

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta partendo dai broccoli: metteteli in ammollo in una ciotola colma di acqua del rubinetto e, una volta puliti accuratamente, scolateli e asciugateli con un panno da cucina pulito. Tagliate poi le cimette.

Prendete ora una padella antiaderente abbasanza capiente e versatevi all’interno la cipolla tritata molto finemente insime ad un filo di olio; non appena vedete che inizia ad appassire, aggiungete i broccoli e mezzo bicchiere di acqua. Coprite poi con un coperchio e procedete con la cottura a fiamma dolce, finché l’acqua non sarà evaporata del tutto e gli ortaggi ben ammorbiditi.

Non appena i broccoli raggiungono la cottura adeguata, aggungete la pasta, che nel frattempo si sarà cotta al dente e avrete precedentemente scolato. Prima di servire, aggiungete alla pasta lo speck tagliato a striscioline molto sottili. Spadellate insieme gli ingredienti per una manciata di minnuti e, infine, aggiustate di sale e pepe, quindi servite ancora bollente.

Cosa Bisogna Sapere Prima di Iniziare una Dieta

Non c’è una donna al mondo che non desideri perdere almeno 2 kg anche solo per affrontare al meglio la prova costume. Si farebbe di tutto pur di indossare nuovamente quella gonna taglia 42, che entra strizzata o per accantonare per le maxi tshirt che utilizziamo per camuffare le curve in eccesso, e sfoggiare quel top attillato che ci piaceva così tanto. Alzi la mano chi non ha sperimentato tutti i metodi e le diete del mondo? Le trasmissioni televisive ottengono buoni ascolti quando invitano dietologi e nutrizionisti, soprattutto se fautori dell’ultima dieta miracolosa del momento.

C’è chi si precipita in libreria pur di accaparrarsi l’ultimo successo dell’esperto di alimentazione di turno e carpire tutti i segreti per smaltire qualche grammo di troppo. Ma servirà davvero a qualcosa? Ecco, secondo noi, i consigli da seguire per dimagrire senza affannarsi troppo. La prima cosa da fare è proprio quella di non leggere libri che parlano di diete che saturano le nostre menti, lasciandoci sempre sul filo del rasoio del corollario alimentare, facendo diventare la voglia di dimagrire, una perenne ossessione.

Il secondo passo da fare è quello di riflettere a fondo e valutare se il desiderio di perdere peso, sia davvero associato a un’esigenza concreta o solo al capriccio del momento. Influenzate dalle donne bellissime che appaiono sulle riviste patinate, ci sentiamo inadeguate e vogliamo per forza scimmiottarle, anche se questo ci costerebbe fatica e sacrificio, talvolta impiegati in maniera ingiustificata.

Se c’è da perdere solo qualche chilo allo scopo di calzare di nuovo la taglia persa dopo un periodo di stress o per via della gravidanza, allora è possibile farlo riducendo i carboidrati raffinati, eliminando per qualche mese i dolci e mangiando molta frutta e verdura. Se la vostra è una vita sedentaria, occorre fare anche un pò di sport cominciando da dei semplici esercizi di aerobica da realizzare anche in casa.

Se invece, la situazione è più preoccupante, e siete consapevoli di essere in sovrappeso, verificate se è così calcolando il vostro indice di massa corporea. Successivamente sarà meglio rivolgersi ad un nutrizionista che vi sottoporrà ad una visita completa e realizzerà per voi una dieta su misura. Nella maggior parte dei casi però, non c’è nessun problema evidente; ciò che diventa pericoloso è il rapporto con il nostro corpo e la bilancia. Non si ha davvero bisogno di dimagrire perchè il vero disagio è celato nella nostra psiche.

Dobbiamo accettarci così come siamo, cercando di mettere in risalto i nostri punti di forza e trasformando i difetti in caratteristiche peculiari, che ci differenziano dalla massa.