Come Coltivare un Bonsai

I bonsai sono dei veri e propri alberi, ma di dimensioni molto ridotte, alberi che vengono allevati in vasi larghi e bassi, in modo che la pianta si sviluppi in un certo modo.

Possiamo creare un bonsai praticamente da qualsiasi tipo di albero, tuttavia per gli alberi da frutto c’è da fare una considerazione in quanto non tutti i tipi sono adatti, il bonsai, infatti, pur essendo di piccole dimensioni, produce frutti dalle dimensioni normali, quindi non potremo fare un bonsai da un pero o melo, almeno che non togliamo i frutti molto prematuramente.

Un ottimo tipo di albero da frutto con la quale fare un bonsai è il ciliegio.

Una volta che il germoglio del nocciolo è diventato abbastanza grandicello (3/4cm) è il momento di travasarlo nel vaso in cui si svilupperà in bonsai, il vaso deve essere abbastanza largo e poco alto, quindi i classici vasi da bonsai.

La regola per innaffiare è sempre quella di toccare il terreno, se questo è asciutto allora possiamo innaffiare, se invece la terra è umida allora non lo facciamo, ricordate che il ciliegio preferisce la mancanza di acqua (non esagerata) che l’eccesso.

Dal momento in cui il bonsai comincia a crescere è necessario cominciare a legare i rami in modo da farli assumere l’aspetto desiderato, il filo da utilizzare è quello apposito per bonsai, prima di legare è necessario aver innaffiato precedentemente, così da ammorbidire i rami.

Per integrare il terreno di sali minerali bisogna concimarlo con appositi concimi liquidi per bonsai, tale operazione va fatta ogni 30 giorni, da marzo a settembre, escludendo luglio e agosto.

Quando il nostro bonsai perde le foglie (novembre/dicembre) è il momento di potare i rami che intralciano la figura del nostro bonsai, ricordatevi di effettuare le potature con apposite cesoie adatte per il bonsai, e di curare il taglio con dell’apposito mastice cicatrizzante.

Ogni 2 anni circa è necessario rinvasare il bonsai, nel periodo di novembre/dicembre, si estrae il bonsai dal vaso, si toglie un po’ di terra dalle radici con l’apposito rastrello, e quindi si potano le radici più grandi.

Si può rinvasare sullo stesso vaso, quindi utilizzare il 50% di terriccio universale, 25% torba e 25% sabbia.

Il ciliegio è soggetto a vari parassiti, quindi è necessario prevenire con prodotti antiparassitari, prima della fioritura.