Come Fare Millefoglie di Cioccolato

Questa ricetta è una millefoglie molto speciale. Puoi prepararla per tuo marito o fidanzato per la festa degli innamorati oppure per fargli una sorpresa speciale durante una cena a casa tua. In qualsiasi occasione è un dolce molto buono e abbastanza semplice da realizzare.

Occorrente
Ingredienti per 2 persone
100 gr di cioccolato fondente
1 dl d panna fresca
90 gr di cioccolato bianco
2 cucchiaini di caffè solubile
Fiorellini di zucchero per decorare

Per prima cosa spezzetta il cioccolato fondente, mettilo in un pentolino e scioglilo a bagnomaria. Disegna su un foglio di carta da forno otto cuori, devono essere tutti della stessa grandezza, adesso spennella tutto l’interno del disegno con il cioccolato che hai fuso e che lascerai indurire completamente.

Quando il cioccolato sarà freddo, stacca delicatamente i cuori dalla carta. Adesso fai sciogliere il caffè nella panna, poi scaldala in una casseruolina portandola al limite dell’ebollizione. A questo punto unisci il cioccolato bianco, poi mescola, quindi spegni il fuoco e lascia raffreddare completamente.

Monta il composto al caffè con la frusta elettrica fino a ottenere una mousse spumosa. Trasferiscila in una tasca per dolci montata con boccetta liscia e spremi la mousse su sei cuori di fondente, ricoprendoli. Sovrapponi i cuori, terminando con uno fondente, per formare due millefoglie. Decora a piacere con i fiorellini di zucchero colorati e servi.

Come Fare la Messa in Piega da Soli

Risulta essere sabato sera e i tuoi capelli sono un disastro, Non hai tempo, voglia o soldi per andare dal parrucchiere? Niente paura! Con un po’ di pazienza (di energia nelle braccia!) e gli strumenti adatti puoi mettere in piega da sola la tua massa di capelli lunghi!

Dopo aver lavato i capelli tamponali con una spugna per eliminare l’acqua. Quindi distribuisci per tutta la lunghezza una o due noci di schiuma. Usa un tipo “forte” se hai i capelli lisci, per evitare che ritornino spaghetti troppo in fretta; per i capelli ricci o mossi scegli invece una schiuma a tenuta media o leggera. Dopo aver distribuito la schiuma pettina i capelli delicatamente, partendo dalle punte e risalendo fino alla radice: in questo modo eliminerai gli eventuali nodi senza rischiare di spezzare il capello.

Mettiti a testa in giù e dai una asciugata con il phon, per eliminare l’umidità residua. Quando inizi la piega i capelli devono essere quasi ancora un po’ bagnati. Quando sei pronta, parti dalla nuca: con il dito mignolo o con l’aiuto del manico sottile di un pettine, separa una ciocca non troppo grande e raccogli il resto della chioma in cima alla testa con una pinza. Metti il beccuccio sull’asciugacapelli, in questo modo l’aria calda sarà ben direzionata.

Tieni saldamente in una mano la spazzola della dimensione che avrai scelto (più il diametro della spazzola è piccolo, più saranno piccoli e stretti i boccoli), appoggia la spazzola sotto alla ciocca e il più possibile vicino alla testa, con l’altra mano prendi l’asciugacapelli, puntalo abbastanza vicino alla spazzola e accendilo al massimo. Fai scivolare la spazzola lungo la ciocca e accompagna con l’asciugacapelli, poi torna indietro arrotolando la ciocca intorno alla spazzola. Ripeti questa operazione per un paio di volte e comunque finché la ciocca è completamente asciutta.

Concludi l’operazione tenendo con la ciocca, ancora calda per l’ultima passata di asciugacapelli, arrotolata attorno alla spazzola per almeno mezzo minuto, in modo che i capelli si raffreddino in quella posizione e “prendano la piega”. Passati circa 30 secondi srotola la spazzola, quindi riarrotola la ciocca intorno al tuo dito e fermala alla base della nuca con una pinza.

Procedi nello stesso modo su tutta la testa. Puoi lavorare in modo “preciso”, dividendo la testa in tre fasce verticali, dalla nuca alla fronte e scegliendo le ciocche dal basso verso l’alto. Ma se procederai scegliendole in maniera casuale, i boccoli andranno in direzioni diverse e daranno maggior volume all’acconciatura. Quando arrivi alla fronte, se hai la frangetta asciugala come fai di solito, altrimenti procedi con le ciocche davanti come per le altre.

Alla fine avrai tutti i boccoli raccolti in una pinza alla base della testa. Scioglili e mettiti a testa in giù e squotila; dai una veloce passata di phon per scaldare appena i capelli, quindi raccoglili di nuovo sulla testa e fermali con la pinza: in questo modo si fermerà definitivamente la piega. Tienili così fin quando puoi (se vai a dormire fermali con un elastico anziché con la pinza). Quando li scioglierai, vai di nuovo a testa in giù per dare volume e, se lo ritieni necessario, dai una leggera spruzzata di lacca per fermarli.

Come Fare Maschera Illuminante al Miele e Limone

In questa guida ti darò la ricetta per creare una maschera per il viso semplice da realizzare in modo da avere dei fantastici risultati grazie all’azione combinata del miele e del limone. Con questa maschera avrai una pelle morbida, levigata e tonificata. Provare per credere.

Per potere preparare questa buonissima e sopratutto utile maschera ci vorranno davvero pochissimi minuti. Innanzitutto la prima cosa che dovrai fare, è quella di procurarti tutti gli ingredienti, che come puoi notare sono facilmente reperibili in tutti i supermercati. Detto questo ecco come dovrai procedere.

La prima cosa importante che dovrai assolutamente fare è quella di prendere una ciotola di vetro e mescolare il miele e il limone. Mi raccomando dovrai amalgamare molto bene tutti gli ingredienti tra di loro fino ad ottenere un composto omogeneo. Ti consiglio di lasciar riposare il composto per dieci minuti.

Trascorso questo tempo potrai procedere con l’applicazione della maschera, vale a dire dovrai massaggiare il composto sul viso per diversi minuti. A questo punto dovrai lasciar agire il composto per 5 minuti ed infine dovrai risciacquare il tutto con cura. Con questa maschera la pelle risulterà morbida e illuminata.

Come Risparmiare con i Mercatini

I mercatini dell’usato si distinguono da quelli tradizionali perchè vendono prodotti per l’appunto già usati da altre persone, gli articoli che si possono trovare al loro interno sono di vario genere, per esempio abbigliamento e accessori per la persona oppure mobili e oggettistica per la casa.

Il vantaggio immediato per chi fa i suoi acquisti nei mercatini dell’usato è sicuramente di tipo economico, ma alla base della scelta di effettuare le proprie spese in questi spazi commerciali c’è anche una esigenza di tipo ecologico, per cui un oggetto che non viene più utilizzato da chi lo ha comprato invece che essere gettato via può essere venduto nel mercatino apposito ed essere usato da un’ altra persona.

Ci sono alcuni mercatini dell’usato che permettono di portare le cose che non si usano più ma che sono in buono stato permettendo così un guadagno anche per chi li vende, oppure ci sono mercatini basati sullo scambio di oggetti che prende il nome di baratto e che costituisce una forma di commercio antichissima che è tornata di moda già da qualche anno.

Chiaramente il consumatore deve stare attento a comperare delle merci che siano ancora utilizzabili ed in buono stato, deve anche valutare che il prezzo di vendita sia adeguato all’articolo e cosa ancora più importante è la pulizia dell’oggetto stesso soprattutto se si tratta di un capo di abbigliamento o di un accessorio personale.

Sulle bancarelle dei mercatini dell’usato si trovano spesso anche dei libri, ed in questo caso può essere conveniente acquistarli anche per motivi di studio vista la pesante crisi economica che stiamo vivendo negli ultimi anni.

Un particolare genere di mercatini dell’usato sono quelli cosiddetti vintage, che permettono di riscoprire oggetti e vestiti che si usavano tanti anni fa e che vengono acquistati o per essere comunque ancora usati perchè ritornati di moda, oppure possono essere acquistati da qualche collezionista e appassionato del genere.

Altra variante dei mercatini dell’usato è quella dell’antiquariato, cioè mercatini che vendono mobili e accessori per la casa antichi ancora in buono stato che però hanno acquisito valore nel tempo e che rappresentano più che altro un investimento per chi li compera, anche in questo caso però bisogna stare attenti a non incappare in truffe di mobili spacciati per antichi ma che in realtà sono semplicemente vecchi e quindi di scarso valore economico.

Come Cambiare Maniglie e Serrature

Cambiare una maniglia o una serratura sembrerebbe un compito difficile, ma con gli attrezzi giusti puoi cimentarti anche tu, senza dover ricorrere ad un operaio specializzato. Seguendo i consigli di questa guida, potrai risolvere da solo questo problema risparmiando tempo e denaro.

Il primo passo da fare è quello di smontare la vecchia maniglia che farai svitando le viti della mascherina che la tengono fissata alla porta oppure esercitando un leggera forza nei modelli senza viti, con copertura fissata solo a pressione. Estrai la mascherina, la maniglia e l’alberino grazie al quale la maniglia è inserita nella porta.

Può essere necessario adattare alla sede nella porta l’alberino della nuova maniglia. Se è troppo lungo lo dovrai accorciare con seghetto da ferro. Reinserisci la nuova maniglia nella sua mascherina, infilala nell’apposita sede della porta e avvitala con il cacciavite. A volte, è necessaria anche la sostituzione del corpo della serratura, in questo caso devi svitare e smontare la piastra che la fissa allo spessore della porta.

Estrai la serratura e osserva se la sede è adatta per l’inserimento della nuova. Se necessario, con uno scalpello elettrico modifica la sede, facendo attenzione a non danneggiarla. Potrebbe essere utile smontare la vecchia serratura prima dell’acquisto della nuova, in modo da verificare che abbiano ingombri simili. Adesso inserisci la nuova serratura nell’incasso e fissala con le viti, inserisci anche l’alberino della maniglia qualora la serratura sia collegata al meccanismo.