Press "Enter" to skip to content

Come Cucinare con gli Scarti

Vediamo insieme come è possibile utilizzare al meglio il cibo che la natura ci offre senza sprechi, sia perchè i rifiuti stanno invadendo le nostre città, sia per non sprecare le risorse che abbiamo a disposizione.

Quindi per far si che non ci sia spreco anche in cucina dobbiamo imaparare che molti scarti che ogni giorno produciamo con la frutta e la verdura possono avere una nuova vita guadagnando in salute e risparmio.

Infatti i cibi poveri e gli scarti di cucina possono essere formidabili alleati per il nostro benessere e per il nostro portafoglio, impariamo allora alcune ricette antiche ma rielaborate grazie alle conoscenze moderne.

Prendiamo per esempio il carciofo, quanto scarto c’è nel pulirlo? Moltissimo, ma ne possiamo riutilizzare una bella parte, le foglie più dure possono servire ad arricchire un brodo vegetale mettendole a bollire insieme alle altre verdure.

Stessa cosa vale per le foglie esterne del cardo che normalmente non vengono utilizzate.

Entrambi queste verdure hanno un’ azione specifica sul fegato, aiutano a digerire meglio e puliscono l’ organismo dalle scorie.

Al posto del brodo possono anche essere utilizzati gli scarti per farne una tisana.

Le scorze d’ arancia o di mela assolutamente biologiche, possono essere utilizzati per delle tisane, aggiungendole all’ acqua in ebollizione, con un pezzetto di cannella e un chiodo di garofano.

Soprattutto le bucce di mela donano dolcezza alla tisana senza doverla addolcire con lo zucchero.

La buccia di patata è anche un altro scarto che si può evitare, la cosa migliore è conservare la buccia della patata mettendole a cuocere in forno, la buccia infatti possiede un’ alta percentuale di vitamina PP che si mantiene anche con le alte temperature.

La buccia del melograno invece può essere riutilizzata per farne un colluttorio, per prepararlo occorre versare in due tazze di acqua fredda circa 30/50 gr di buccia di melograno, facendo sobbollire per una decina di minuti, dopodichè di filtra e si mette in una bottiglia scura per conservarlo.

Se aggiungerete qualche goccia di succo di limone si conserverà meglio, anche per 15 giorni in frigorifero o un luogo fresco e asciutto.

La buccia di melograno ha proprietà astringenti che aiutano a mantenere le gengive sane e che non sanguinano.

Numerose sono le ricette con gli scarti, ne abbiamo viste alcune che sicuramente ci aiuteranno a ridurre gli sprechi.

Be First to Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *